Il Bullo - Travenzoli and friends gruppo folk ligure

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Bullo

Gianfranco Travenzoli > In italiano

Il bullo


Mi chiamo Giangi e viaggio in motoretta col ciuffo al vento e la giacca da gaguin, i pantaloni corti e una maglietta per i negozi andavo a passeggiar sono entrato dentro a quella sala ti ho guardato o bella Marilou tutta curve sto quasi per svenire forse un Whisky mi tirerà un poco sù. Sono fico sono bello sono un bullo di quartiere me ne vado a ballar, sono fico sono bello sono anche un menestrello me ne vado un po a cantar Son scivolato vicino al tavolino guarda che caso vicino proprio a te mi scusi tanto guardavo il suo sorriso con quelle curve ricasco ai suoi piè, non riesco a distogliere lo sguardo dai suoi occhi o pressapoco lì, ma la tua mamma come t'ha fatto bella se non ti rompe vieni un pò a ballar Sono fico sono bello sono un bullo di quartiere me ne vado a ballar, sono fico sono bello sono anche un menestrello me ne vado un po a cantar Ti ho convinto ad andare in camporella ma al chiar di luna non sembra tu digrigni i denti e somigli a Gargamella come un puffo un metro o poco più, ma mi pareva proprio una bella topa. sopra i tacchi la bella Marilou sarà quell'Whisky che ho buttato in gola o i suoi occhi o un pò più in giù di lì Sono fico sono bello sono un bullo di quartiere me ne vado a ballar, sono fico sono bello sono anche un menestrello me ne vado un po a cantar Ma poi di colpo mi è saltata in braccio ma te lo giuro non riesco a respirar con quel suo fisico enorme da modella la mia milza è bella da buttar , con un sorriso poi tu mi hai stretto stretto ti prego amore portami nel cuor, molla la presa che scappo sopra il tetto e in motoretta sicuro svanirò. Sono fico sono bello sono un bullo di quartiere me ne vado a ballar, sono fico sono bello sono anche un menestrello me ne vado un po a cantar                                               

( by Travenzoli and friends)




 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu