Portu antigu - Travenzoli and friends gruppo folk ligure

Vai ai contenuti

Menu principale:

Portu antigu

Gianfranco Travenzoli > Dialettale 1

Portu antigu

"bella canzone  che narra della giornata di un giovane ragazzo genovese che a cavalla della sua bici, gira per Caricamento, per Banchi e per il porto antico, respirando quell'aria elettrizzante che si respira solo quando si è giovani. Guardandosi in giro durante il suo peregrinare, egli offre in pochi versi uno spaccato di una Genova  sonnolenta e tranquilla d'altri tempi, con ritmi di vita ormai desueti e con lavori ormai obsoleti, chi vende più sigarette di contrabbando o va a pescare? quasi più nessuno sicuramente... però che belli quei tempi sembra quasi di sentire il sole che brucia la pelle e l'odore del mare e delle fritture di pesce e della farinata delle sciamadde..."

alla mattina vado in giro spendendo i miei soldi con la mia bici sulla passeggiata
i pescatori stanno riparando le reti per poi andare a pescare per andare un mese per mare

coro: o porto antico fatti cantare  o porto antico fatti girare

alla marina vado in giù e mentre bevo il mio caffè quante belle gnocche passano in via di Prè
queste battono un bandiera ma battono anche il marciapiede per chi vuole intimità

coro: o porto antico fatti cantare  o porto antico fatti girare

vado a Banchi sulla piazza e i banchetti sono arrivati  quanti affari farà mio fratello lui vende bionde e marlboro su di un banchetto di cartone e se la tira da imprenditore

coro: o porto antico fatti cantare  o porto antico fatti girare

(by Travenzoli and friends)






 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu