Solo - Travenzoli and friends gruppo folk ligure

Vai ai contenuti

Menu principale:

Solo

Gianfranco Travenzoli > In italiano 2

S o l o.


"un'altra canzone di una tenerezza inusitata, un uomo seduto sul pontile, fronte al mare, e ricorda la propria madre, i suoni ed i profumi della sua fanciullezza, interrogandosi del perchè nel mondo ci sia così poco amore. Ma alla fine la speranza fa capolino, un molo simile al suo, vive nel cuore di ogniuno di noi, è lì che dobbiamo andare nei momenti di difficoltà. E' dentro a noi stessi che troveremo la risposta..."


C'è a volte un momento per sedersi e pensare sentir quella musica che viene dal cuore infinita tristezza sul molo all'imbrunire e sale sù un brivido che viene dal mare e senti il respiro e poi battere il cuore
ricordi ancora il pianto e il dolore su questo tramonto io voglio gridare è rosso di fuoco il mio pensiero
rivedo una madre che bella nel cuore non è così facile vorrei anche pensare è tanta la gente con il buio nel cuore con quale coraggio nasconde il dolore vorrei donare ad ogniuno un pensiero di gioia splendente di tenero amore che fermi il respiro che batta nel cuore ed apra le braccia per splendere al sole e un segno di pace vorrei tanto un sorriso oh luna impietosa dimmi che mi hai capito e gioir sulla terra sulle onde dei mari
per quanti sognatori riscaldi gli amori è una notte preziosa da ricordare rivedo un sogno rivedo un sorriso profumi e suoni che ho già sentito quest'acqua di mare mi illumina il viso quei giorni che il mondo ti vuole schiacciare e ti cresce dentro la voglia d'amare cerca quel molo in fondo al tuo cuore troverai sempre il coraggio d'amare infinita tristezza sul molo all'imbrunire sentir quella musica che viene dal cuore

(Travenzoli and friends)










 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu