Strassite u coe - Travenzoli and friends gruppo folk ligure

Vai ai contenuti

Menu principale:

Strassite u coe

Gianfranco Travenzoli > Dialettale 2

Strassite u coe   (apriti il cuore)


" Dolcissima canzone d'amore che narra d'un uomo che guardando l'immensità del firmamento si sente solo perchè perso nell'immensità del creato, non sà dove la sua altra metà del cielo. Si rende conto quasi all'improvviso di essere veramente solo ed allora ricorda i momenti più belli ma nel contempo capisce anche che forse lei non era per lui. Ciò nonostante s'immagina di averla ancora a fianco e rivolgendosi al cielo invita l'altissimo a seppellire il suo cuore proprio lassù ... in cielo."


Accorgersi quanto è piccolo il mio amore nell'universo Hai mai visto la sera quante stelle e come brillano? sentirsi soli in questo splendore e volerti un poco lì vicino per abbracciarti sentirsi soli ma quale amore vive distante dall'altro suo cielo
Accorgersi intanto che tu non ci sei e accorgersi sempre che non è amore e volersi scordare quei momenti più belli dove le anime brillavano come due stelle apriti cielo ai miei occhi il tuo dolore (apriti ancora)  (piangi mio cuore) forse anche si sente così (apriti ancora) (piangi mio cuore) apriti cielo ai miei occhi il tuo sole (piangi mio cuore) forse anche lei (apriti ancora) non è poi (piangi mio cuore) per me. Vento che soffi sul mare, leva questo mattone che mi pesa sul cuore, fammi scordare quell'amore che sento perduto e che non trovo più (piangi mio cuore) sentirti ancora vicino, stringerti ancora a me (apriti ancora) poterti baciare e poterlo gridare Piangi mio cuore, apriti ancora, piangi mio cuore, spargi sul cielo le mie ferite di lacrime e sole stracciati ancora vento d'estate spaccami il cuore apriti ancora... è morto il mio cuore... sotterralo in cielo!









 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu