Zena incanta - Travenzoli and friends gruppo folk ligure

Vai ai contenuti

Menu principale:

Zena incanta

Gianfranco Travenzoli > Dialettale 2

Zena incanta




È presto è l'alba c'è un filo di luce sui marciapiedi da quando ero partito Genova è rimasta incantata, svegliati un poco Genova fino a che fiato avrò dai carruggi ai tuoi vecchi Genova è restata immacolata
Aria di mare quanta bella gente che c'è già, aria di mare ma che bella Genova indaffarata. Pian piano il tempo passa e alla mattina è inoltrata tu sei bella illuminata Genova è restata incantata, incontro gente allegra e ragazze della mia età vorrei baciarle tutte e regalargli ancora il mio cuore Aria di mare quanta bella gente che c'è già, aria di mare ma che bella Genova indaffarata. Compivo 18 anni quando ero partito ma perché cambiare Genova è restata nel mio cuore, dalle strade lastricate ed i lavagnini sui tetti andare in mezzo ai moli per volare sopra il tempo sul mare. Aria di mare quanta bella gente che c'è già, aria di mare ma che bella Genova indaffarata. È l'una e il sole è alto mi posso un poco sedere ma a Caricamento San Giorgio andrò a girare c'è gente di altri mondi che vengono da lontano, ma Genova tu sei grande per bene falli un poco riposare. Aria di mare quanta bella gente che c'è già, aria di mare ma che bella Genova indaffarata. Lontano mille miglia per il mondo son partito per ritrovarmi a sera a pregare e parlare con il mio Dio, con l'anime che piange andavo a lavorare e ripensavo ai giorni che vicino ero ancora al mio mare.
Aria di mare quanta bella gente che c'è già, aria di mare ma che bella Genova indaffarata.



(by Travenzoli and friends)




 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu